News

Novità e approfondimenti a cura della Dott.ssa Tumminia

Chi sono i “Vampiri Energetici” ? Come riconoscerli e come liberarsene (1° parte)

IDENTIKIT del Vampiro Energetico:

Di “vampiri energetici” è pieno il mondo, personalità apparentemente molto simpatiche carismatiche, allegre ( a volte fino all’esasperazione),  che si trasformano però

nell’esatto contrario non appena il rapporto( amicale o amoroso più frequentemente, ma anche parentale o lavorativo ) diventa maggiormente intimo.

Vi è mai capitato di rapportarvi con qualcuno in grado di cambiare repentinamente il vostro umore (in quel momento positivo), di farvi sentire “stanchi dentro” dopo aver colloquiato con lui/lei, di sentirvi a volte anche sviliti nella propria percezione di voi stessi, in origine positiva? Qualcuno in grado addirittura di farvi dubitare delle vostre convinzioni, ma sempre indirizzandovi verso una reinterpretazione in negativo? ….

Siete davanti ad un ” VAMPIRO ENERGETICO”, quelle personalità che si nutrono dell’ottimismo, della bontà e della positività dell’altro sottraendogliela tramite lo svilimento, a volte la svalutazione della sua stessa percezione solare della vita, appropriandosene pur negandolo, cercando di distinguersi dall’ altro odiato ma in realtà invidiato.

I vampiri energetici non sempre hanno chiara percezione di essere così , sono egocentrici e convinti che tutte le persone intorno debbano soddisfare i loro bisogni, di aiuto, comprensione (ad oltranza)…non riescono a sopravvivere con la loro “luce carente” cercando di succhiare quella dell’altro, percepito sempre quindi come soggetto diverso da sé ,in meglio.

Il vampiro energetico è un “ingrato astuto”,  sempre davanti a problemi di vita ( lavorativi, sentimentali, pratici del quotidiano), usa l’altro /a come crocerossina/o sempre pronto a risolvere il problema ( ringraziandolo solo come strategia fintamente gratificante con lo scopo di prepararsi alla successiva richiesta d’aiuto ) , ma sicuramente non seguirà mai il consiglio ricevuto, avendo come finalità primaria la ricerca estrema d’attenzione fino all’ “inglobamento del profondo dell’altro” a supporto della propria carenza d’essere.

Inglobando il potere dell’altro ( relazionale , affettivo, intellettivo. ..) pensa di poter appagare il proprio mancato o frustrato potere.

 

 

CARATTERISTICHE TIPICHE:

* Attraverso lo scherzo offendono, giustificando il proprio agire come dettato dalla profonda amicizia che dovrebbe generare “comprensione”

* Dichiarano amicizia in realtà mai disinteressata ma sempre finalizzata ad ottenere dei benefici ( spirituali o materiali ) al momento giusto: non sei mai una scelta ma sempre un’opzione per il vampiro energetico: è capace di costruire un’amicizia solo per avere qualcuno con cui passare la vacanze per poi sparire subito dopo…

* Sì dichiarano disponibili ma non lo saranno mai nel momento di dimostrarlo, essendo il loro fine quello di ricevere , non di dare ( o se lo fanno è solo per un premeditato successivo vantaggio )

* Sono molto critici verso gli altri, appoggiandosi a principi morali ed etici fino all’ esasperazione ( difficilmente però messi in atto da se stessi ), ma proprio tramite la critica attirano la persona a sè (che in realtà spesso non criticano affatto ma stimano facendo credere il contrario: “abbassando te, elevo me” )…

 

Le due modalità relazionali prevalenti con cui si relazionano a noi i vampiri energetici sono:

Il ricatto emotivo: induce l’altro a prestargli ascolto ad oltranza facendo leva sull’induzione di sensi di colpa qualora l’altro si sottragga da un compito socialmente atteso

Il vittimismo:  esporre la propria insofferenza emotiva verso una vita ingrata e difficile da affrontare chiedendo all’esterno un modello di “riconfinamento” attraverso l’altro, poi però ripreso e/o allontanato non appena commette “errori” ( soggettivamente così interpretati ) che non gli consentono di essere nuovamente “eletto” come modello di vita

Il “Disturbo Post Traumatico da Stress” ( PTSD ): cosa può accadere “dopo” una situazione di emergenza e come affrontarlo

Non tutti a seguito di un evento traumatico di entità molto significativa subìto in prima persona od in cui è rimasto

Il lavoro in modalità “Smart working”: vantaggi, rischi psicologici e come fronteggiarli

Aziende da piccole a grandi , fino a multinazionali, si sono trovate in questo periodo di emergenza sanitaria  a dover confinare …