Il tradimento nel rapporto di coppia

Il tradimento sicuramente viene vissuto all’interno della relazione come una delle esperienze piu’ dolorose ed umilianti che si possa subire, confinandolo come un problema nato all’interno del contesto “a due” in maniera non del tutto corretta.
Molto spesso, infatti, sia per il soggetto che attua o subisce un tradimento, qsta esperienza e’ gia’ stata sperimentata all’interno della propria storia di vita,sia come spettatore esterno , ad es, di un parente stretto che ha tradito un altro oppure come soggetto passivo di fronte a figure significative ( es, un amico) ingannevoli nei propri confronti. Capita sovente che tali individui una volta adulti ed in coppia riperpetuino “situazioni di tradimento” sotto forma di vittime o carnefici, indipendentemente da quale ruolo abbiano assunto precedentemente.

 

Tra i principali motivi che spingono al tradimento, oltre a quelli ambientali citati sopra, ve sono diversi altri di tipo psicologico individuale o puramente inerenti alla sfera di coppia.
Spesso il tradimento rivela una difficolta’ importante di relazione con il sesso opposto, manifestato sotto forma di “ sabotaggio” alla relazione, fuga ripetuta davanti al legame tramite un atto estremo.
La difficolta’ a comunicare rappresenta sempre il principale problema della coppia tradita. Non si riesce a risolvere il problema che si presenta “non tradendo” perche’ spesso i due soggetti in causa anche precedentemente al fatto grave si trovavano in posizioni comunicative diametralmente opposte o comunque molto distanti, con la tendenza a vivere piu’ la sfera comunicativa come un atto egoistico di vincita /perdita verbale ( e non verbale) , che come incontro verso l’altro. Non essendo abituati a relazionarsi in maniera sana nel quotidiano, non appena subentra un problema importante il modo preferenziale per affrontare la situazione negativa diventa proprio il “non affronto”, trasformato in azione verso l’ esterno tramite il tradimento. Spesso nel quotidiano questa tipologia di coppia appare paradossalmente “ tranquilla e felice”, proprio perche’ l’assenza di comunicazione stabilizza e cristallizza il rapporto in una noiosa tranquillita’ finzionale in cui non si discute di nulla di profondo ma solo di argomenti superficiali, per poi sfociare in un atto estremo come se si trattasse di uno sfogo egocentrico volto a scuotere finalmente l’ altro e se stesso.

Rapporti sessuali insoddisfacenti e/o molte volte completamente assenti sono un altro frequente motivo di tradimento, correlato ad i punti sopra espressi. Spesso in questo tipo di coppia le difficolta’ ed insoddisfazioni della sessualità non vengono mai esplicitate verbalmente, quasi in un accordo tacito che, solo per poco tempo, permette di salvaguardare l’immagine di amore felice agli occhi esterni. Il momento in cui viene attuata un’infedelta’ rappresenta l’urlo disperato del traditore che non accetta piu’ il gioco tra le parti, urlo non sempre comunque ascoltato dall’altra parte che permette il ripresentarsi dell’azione.

Il tradimento si può superare?

Ricordando come dietro l’ infedelta’ nella maggior parte delle volte si celi un forte problema comunicativo tra i due partner diventa fondamentale, se si decide di “rimettersi in gioco”, superare i propri egoismi comunicativi e comportamentali basati su un riemergere di pericolose “prese di posizione” svalutanti per cercare , invece, di correggere un sistema relazionale fino ad oggi fallimentare riconoscendo a vicenda propri limiti e risorse individuali e di coppia.
L’atto dell’infedelta’ piu’ che “da elaborare” e’ o non e’ “da accettare”. Non si puo’ dimenticare un atto cosi’ grave che ha minacciato la propria autostima, dignita’, sicurezza di se stessi e della coppia, puo’ pero’ essere accettato con il tempo se si ritiene molto piu’ importante salvaguardare l’unione.
Solo in questo caso ha senso la terapia di coppia come possibilita’ di ricostruzione.
Nel caso contrario e’ comunque utile una terapia individuale per entrambe le parti come salvaguardia del proprio benessere psicologico , come elaborazione dei sensi di colpa, della tristezza, dello scoraggiamento profondo ed altre emozioni e sentimenti tipici di qste situazioni .

Il “Disturbo Post Traumatico da Stress” ( PTSD ): cosa può accadere “dopo” una situazione di emergenza e come affrontarlo

Non tutti a seguito di un evento traumatico di entità molto significativa subìto in prima persona od in cui è rimasto

Il lavoro in modalità “Smart working”: vantaggi, rischi psicologici e come fronteggiarli

Aziende da piccole a grandi , fino a multinazionali, si sono trovate in questo periodo di emergenza sanitaria  a dover confinare …